Che cosa è la Dieta Mima Digiuno?


Avete mai sentito parlare della Dieta Mima Digiuno?

Avete mai sentito parlare della Dieta Mima Digiuno?


E’ una delle ultime scoperte in campo nutrizionale che sta già ottenendo grandi consensi e creando grande curiosità.

A differenza di molte diete non ha come target finale il dimagrimento, quindi non la si può considerare una dieta dimagrante. L’effetto dimagrante, in questo tipo di dieta, è soltanto una conseguenza.

In realtà questo è un regime alimentare studiato per migliorare la nostra salute, ed un peso corporeo adeguato è sicuramente una caratteristica importante ma non è lo scopo.

Lo scopo della dieta mima digiuno è la salute ed il benessere!

Niente a che vedere con quelle diete ipocaloriche che costringevano a grandi sacrifici per perdere qualche chilo, che prontamente venivano ripresi (con gli interessi), alla prima pausa dal regime alimentare ferreo.

Niente calorie da calcolare, niente polli allo spiedo che ci fanno sospirare al solo pensiero, niente sogni su torte di cioccolato…

Tutto questo per dire che l’approccio che bisogna avere con la dieta mima digiuno è di diverso tipo. Non è qualcosa che si fa per due mesi per perdere peso, è un nuovo stile di vita da adottare.

Lo scopo non è quello di risultare snelli in spiaggia, ma di rimanere in salute a lungo!

Il professor Valter Longo, ricercatore in biochimica e neurobiologia, professore di Biogerontologia all’University of Southern California, direttore del programma di Oncologia e longevità dell’IFOM (Istituto di Oncologia Molecolare di Milano), è la figura di riferimento per questo tipo di dieta.

Il campo del professor Longo è quello delle terapie anti-aging, ovvero delle terapie anti-invecchiamento. Proprio per questo la dieta mima digiuno è stata sviluppata: per permettere alle cellule di rigenerarsi.

Il centro di questa dieta è l’eliminazione dei cibi che stimolano la produzione di insulina e dell’ormone della crescita. E’ una sorta di dieta purificatrice.

Esiste una restrizione calorica nella dieta mima digiuno, ovviamente, ma è una restrizione molto calibrata e controllata. Non è drastica e non porta l’organismo a dei bruschi cambiamenti che poi faranno più male che bene.

Oltre alla riduzione delle calorie, è presente in questa dieta anche una forte diminuzione dell’assunzione di proteine animali. Evitando così di attivare l’ormone della crescita, considerato il responsabile dell’invecchiamento e di malattie quali cancro, diabete…

In sostanza la dieta mima digiuno avrebbe gli stessi effetti benefici del digiuno, ma senza rinunciare al cibo.

Ma in pratica cosa si mangia con questo tipo di dieta?

Tanta verdura, pochissime proteine, qualche grasso buono, e carboidrati complessi.

Quindi: la carne, per gli adulti, va eliminata. Al di sotto dei 12 anni e dopo i 65 anni, invece è considerato sano mangiare carne. Al posto della carne si consigliano proteine vegetali contenute da legumi e cereali: ceci, fagioli, lenticchie, piselli…

Pesce almeno due o tre volte a settimana, ma limitando quello ad alto contenuto di mercurio, come il tonno. Sgombro, acciughe e sardine, sono considerati ottimi.

Ottime anche noci, mandorle e nocciole, ed anche l’olio extravergine d’oliva, che forniranno all’organismo i grassi insaturi buoni.

Pasta, pane e tutti i cereali vanno bene, ma nella loro versione integrale. Le verdure come detto, vanno benissimo anche in grandi quantità.

Per gli zuccheri la questione è molto chiara: vanno eliminati soprattutto quelli aggiunti, e bisogna limitare anche il consumo di frutta. Un frutto al giorno è più che sufficiente.

Il professor Longo ha anche suggerito di fare tre pasti al giorno più uno spuntino, di non cenare dopo le ore 20, e di non ingerire niente almeno 3/4 ore prima di andare dormire.

Bisogna ricordare che i cicli di dieta mima digiuno non devono essere protratti per molto tempo: 5 giorni ogni 3-6 mesi. Con questo regime forzato per alcuni giorni all’anno, l’organismo sarà costretto a rinnovare le proprie cellule!

Un esempio chiaro della dieta mima digiuno? Eccovi un menu tipo di chi segue questo regime alimentare, con due pasti al giorno più uno spuntino. Vi ricordiamo che quello che vi proponiamo è solo un esempio, e che prima di intraprendere qualunque nuovo regime alimentare sarebbe bene considerare un medico.

Giorno 1

Colazione: Tè verde e una barretta ai cereali senza zucchero

Spuntino: Snack composto da una manciata di noci mescolate all'uvetta
Cena: 150 grammi di cereali integrali e 300 grammi di legumi cotti

Giorno 2 - 5

Colazione: Nocciole, uvetta e tè verde

Spuntino: Snack composto da una barretta ai cereali senza zucchero

Cena: 100 grammi di pesce accompagnati da un'insalata condita con olio extravergine oppure verdure a piacere cotte al forno e servite con un piatto di fagioli stufati

La dieta mima digiuno non è indicata in gravidanza, in allattamento, per i bambini e i soggetti a rischio di anoressia nervosa.

Se ti è piaciuto questo articolo potrebbero interessarti anche questi altri articoli sempre a proposito di alimentazione.

La Dieta Chetogenica



Nessun commento:

Posta un commento

Se ti è piaciuto questo articolo, lascia un tuo commento. Ci fa molto piacere sapere cosa pensi in merito, grazie!